Prima squadra

Ko con il Viareggio 2014, Marmorini: “Serve più cattiveria”

Ko con il Viareggio 2014, Marmorini: “Serve più cattiveria”

Buone prestazioni ma alla fine dei 90 minuti in cascina non si mettono punti. E’ questo il bilancio dei 90 minuti di match persi dal San Donato Tavarnelle in casa contro il Viareggio 2014.

A fine partita mister Simone Marmorini prova ad analizzare la sconfitta contro le zebre della Versilia: “E’ difficile commentare questo risultato. L’approccio dei ragazzi è stato ottimo, con un gol in avvio e una occasione poco dopo fallita malamente. Ci facciamo condizionare dagli episodi negativi che c’hanno portato a un blackout di 15 minuti dove gli avversari ne hanno approfittato con maggiore cattiveria, puntando anche alla nostra poca attenzione nei particolari. Nella ripresa abbiamo creato tante occasioni, meritando il pareggio, ma alla fine dei giochi conta il risultato”. Marmorini torna sul gioco espresso dalla squadra: “Tranne il blackout la prestazione è stata positiva, soprattutto nella ripresa, dove c’è stata maggiore lucidità. Il centrocampo è stato un elemento trainante per risalire la china. Dobbiamo migliorare nella reazione agli episodi negativi, perchè anche a Ligorna è successa la stessa cosa”.

I risultati non spaventano l’ambiente: “La mia fiducia resta la stessa, i ragazzi si applicano ma dobbiamo migliorare, avere più cattiveria e far crescere il morale”

La difesa un po’ preoccupa: 6 gol subiti, 5 su palla inattiva o immediata conseguenza: “Su questo aspetto dobbiamo migliorare tanto”

Entrato dalla panchina, l’impatto sul match è stato dirompente. Lui è Isuf Cela: “E’ un giocatore importante di grandi qualità tecniche e fisiche. Deve crescere a livello mentale, poi sarà destinato a categorie superiori. Ogni volta che entra in campo dà sempre qualcosa in più, questa è la realtà dei fatti.